La Range Rover Sport ibrida si arrampica

Febbraio 15, 2018
Postato da: carlo

Il Suv da oltre 400 CV ha superato una pendenza che in certi tratti raggiunge il 100%

 

Per dimostrare le sue capacità di arrampicata, la Range Rover Sport P400e si è spinta addirittura fino alla Porta del Paradiso: il riferimento è alla celebre formazione rocciosa presente sul Monte Tianmen, situato nella provincia cinese dell’Hunan. Il Suv ibrido plug-in del costruttore inglese ha quindi affrontato a tutta velocità le 99 curve di strada – denominata Dragon Road e lunga 11,3 km – che conducono alla base di una scalinata da 999 gradini che serve per raggiungere la Porta del Cielo. Un’impresa mai provata in precedenza, resa particolarmente ardua dalla pendenza affrontata, in alcuni punti pari addirittura al 100% (45 gradi). Al volante dell’auto Ho-Pin Tung, pilota del Panasonic Jaguar Racing Team di Formula E e vincitore di categoria alla celebre 24 Ore di Le Mans: “Questa è senza dubbio una delle sfide più impegnative che abbia mai affrontato. La Range Rover Sport PHEV si è comportata brillantemente, infondendomi una completa fiducia lungo tutto il percorso montano e salendo senza sforzo fino alla Porta Celeste”, sostiene Tung in una nota ufficiale. Per completare la “Dragon Challenge”, la Range Rover Sport P400e ha dovuto attingere a tutta la potenza sviluppata dal suo sistema propulsivo: è composto da un quattro cilindri turbo di 2 litri di cilindrata da 300 Cv e da un’unità elettricaintegrata nella scatola del cambio automatico a 8 rapporti, capace di ulteriori 116 CV. La potenza complessiva combinata è di 404 CV e ben 640 Nm di coppia motrice, trasferiti alle 4 ruote motrici. L’auto può anche marciare per 51 km a emissioni zero grazie alla batteria agli ioni di litio da 13,1 kWh – ricaricabile anche alla presa di corrente domestica – che alimenta l’elettromotore. “È stata la sfida più difficile della Range Rover Sport a cui abbia preso parte – ha detto Phil Jones, Land Rover Experience Expert – perché fin quando non abbiamo raggiunto la vetta non avevamo la certezza di farcela. Arrivando in cima abbiamo confermato, come mai prima, le fenomenali capacità della Range Rover Sport ibrida plug-in con una prima mondiale”.